Piani pensionistici indicizzati: qual è il migliore?

Oggi avere il miglior piano pensionistico è praticamente obbligatorio, così come la situazione delle pensioni in Spagna.

Il futuro che ci attende in questo senso è poco promettente e oggi nessuno ci promette che domani riceveremo una pensione di vecchiaia come fanno ora i nostri anziani.

Per questo, avere un piano di risparmio è fondamentale ed è qui che entra in gioco questo noto metodo di risparmio e nello specifico di cui vogliamo parlarvi, il piano pensionistico indicizzato a basse commissioni.

>

  • Min: 3.000€
  • Commissione: 0,62%
  • Numero di fondi: da 2 a 9

test >

  • Minimo: 1.000€
  • Commissione: 0,65%
  • Numero di fondi: 13

test >

  • Minimo: 150€
  • Commissione: 0,45%
  • Numero di fondi: da 7 a 9

test >

  • Min: 3.000€
  • Commissione: 0,74%
  • Numero di fondi: da 5 a 9

test

Che cos’è un piano pensionistico?

La prima cosa che dobbiamo sapere, se non lo sai ancora, è sapere di cosa si tratta e a cosa serve questo tipo di piano.

Un piano pensionistico è un piano di risparmio per la pensione, in modo tale che domani, quando finisci la tua fase lavorativa, hai soldi risparmiati che puoi utilizzare e mantenere il tuo attuale tenore di vita.

Per promuovere questo tipo di risparmio, il governo agevola fiscalmente questi piani in modo tale che tu possa detrarre dalla tua dichiarazione dei redditi annuale l’importo che contribuisci al tuo piano pensionistico, con un massimo di € 8.000 all’anno (tranne nei Paesi Baschi, che è di € 5.000 con il suo EPSV, che equivale alla stessa cosa).

Caratteristiche dei piani pensionistici

Questo prodotto di risparmio, date le sue agevolazioni fiscali e la sua natura di prodotto per la pensione, presenta una serie di caratteristiche che lo differenziano dal resto.

Il primo, come abbiamo già accennato, è la detrazione fiscale nella dichiarazione annuale dei contributi versati.

La seconda caratteristica più sorprendente che deve essere presa in considerazione è che il denaro versato non può essere rimborsato prima che siano trascorsi almeno 10 anni dal primo contributo versato a quel piano.

In linea di principio, il termine per recuperare l’investimento era fino al pensionamento, ma alcuni anni fa, a causa della situazione economica e del bisogno di molte persone, il governo ha cambiato il termine a 10 anni.

Pertanto, devi tenere conto del fatto che i soldi che andrai a versare al tuo piano pensionistico non sono soldi di cui avrai bisogno per un breve periodo di tempo.

Che cos’è un piano pensionistico indicizzato?

Ora che sai più a fondo cos’è un piano «normale», passiamo a cos’è un piano pensionistico indicizzato, senza dubbio quelli che ci piacciono di più e ora ti spieghiamo perché.

Un piano pensionistico indicizzato è esattamente lo stesso di un piano normale, solo che si differenzia per il fatto che investe principalmente in fondi indicizzati ed ETF a basso costo, per cui le commissioni da pagare per detto piano sono molto basse, molto inferiori a quelle che abbiamo sono abituati a pagare

Dobbiamo tenere a mente che la commissione che paghiamo alla nostra banca o manager per la gestione del nostro piano determinerà direttamente la performance che abbiamo raggiunto con il nostro piano pensionistico al momento del pensionamento.

L’ interesse composto gioca un ruolo molto importante qui e ogni euro in più che paghiamo in commissioni si rifletterà in modo considerevole nell’esecuzione del nostro piano dopo pochi anni.

Solo con la differenza di commissioni che esiste tra avere un fondo gestito o uno automatizzato (come tendono ad essere i fondi indicizzati poiché non richiedono una revisione costante), le possibilità di avere un rendimento più elevato nel tempo salgono alle stelle.

Oltre a questi vantaggi, i fondi indicizzati hanno dimostrato di essere molto più efficienti e redditizi dei fondi gestiti nel corso della storia. Come potete vedere sulla nostra copertina, il 95% dei fondi gestiti da grandi gestori e banche non sono in grado di battere il proprio indice di riferimento a fine anno. Cioè, se avessi investito in un fondo indicizzato in quell’indice, nel 95% dei casi avresti ottenuto un rendimento superiore a quello del tuo fondo di investimento e per di più senza pagare commissioni di gestione… Questo ti fa pensare, Giusto?

Vantaggi e svantaggi di un piano pensionistico a fondo indicizzato

Per riassumere più rapidamente, avremmo quanto segue:

Principali vantaggi

  • Commissioni molto basse
  • Maggiore diversificazione degli investimenti
  • Massimo rendimento storico
  • Benefici fiscali

Principali svantaggi (valido sia per indicizzato che normale)

  • 10 anni per riscattare i tuoi soldi
  • Pagamento dell’imposta sul reddito quando si salva il denaro in una volta (meglio farlo a poco a poco)

Dove assumere i migliori piani pensionistici indicizzati in Spagna?

In Spagna, grazie all’arrivo dei Robo Advisor, è molto semplice ed economico contrarre un piano pensionistico indicizzato.

Sono ancora sconosciuti a molte persone, ma la verità è che la crescita che stanno avendo nel nostro Paese a causa del loro aspetto è spettacolare. Grazie alle loro commissioni basse e ai rendimenti che stanno ottenendo, sempre più persone si affidano a loro per il loro piano pensionistico.

Cos’è un robo advisor? È semplicemente un gestore automatizzato che, sulla base delle risposte ottenute ad un questionario che ti danno prima di aprire il tuo conto, ti assegna un portafoglio di investimenti prevalentemente in fondi indicizzati ed ETF. In base alle tue risposte, ti verrà assegnato un portafoglio più aggressivo o più conservativo.

Se non sai quale scegliere, qui abbiamo un confronto di robo advisor in Spagna che puoi consultare. In ogni caso, se il tuo obiettivo è utilizzarlo per contrarre il tuo piano pensionistico, ti consigliamo quanto segue:

  • Finiture

In soli 2 anni ha ottenuto il supporto di oltre 6.000 investitori, essendo il robo-advisor in più rapida crescita in Spagna.

I portafogli Finizens sono suddivisi in 5 diversi profili per coprire le esigenze di ogni tipologia di cliente. Per assegnarti l’uno o l’altro meno aggressivo, si basano sui risultati ottenuti da un questionario prima di aprire il conto.

In ogni caso, anche se ti viene assegnato un determinato portafoglio, puoi sempre cambiarlo con uno più aggressivo o conservativo se ritieni che quello che ti è stato assegnato non corrisponda a ciò che desideri.

La principale differenza tra Finizens e Indexa è che Finizens, oltre a investire in fondi indicizzati ed ETF, investe anche in immobili e oro, offrendo così una maggiore diversificazione e meno rischi nei loro piani.

Inoltre, i piani Finizens si collocano già nelle prime posizioni in Spagna in termini di redditività, per tutti i profili di rischio.

  • Indice di capitale

In poco più di 2 anni sono riusciti a ottenere più di 190 milioni di euro per fidarsi dei propri investitori, crescendo di oltre 5 milioni di euro/mese.

Oggi possiamo scegliere tra queste due opzioni

  1. Indexa More Profitability Shares (reddito variabile)
  2. Indexa More Yield Bonds (reddito fisso)

La scelta dell’una o dell’altra opzione dipenderà dal tipo di investitore che sei e dai tuoi obiettivi. E se dovessi scegliere l’una o l’altra opzione è un portafoglio compreso tra 1 e 10, che sono i livelli di investimento in cui Indexa divide le sue opzioni.

  • il mio investitore

Myinvestor è un’altra delle migliori opzioni per aprire un piano pensionistico indicizzato e mantenerlo per molti anni. Le sue commissioni sono molto basse e oggi offre 2 piani indicizzati per investire in modo diversificato nel mercato azionario di tutto il mondo o negli Stati Uniti, a seconda della scelta.

Queste due opzioni sono:

  1. Myinvestor S&P500 indicizzato, PP
  2. Indice globale Myinvestor, PP

Se invece desideri un altro tipo di piano pensionistico, puoi scegliere tra un gran numero di opzioni di altre entità che Myinvestor commercializza direttamente.

  • Finanbest

Un altro robo advisor che cerca di guadagnare terreno in questo settore è Finanbest. È ancora lontano da Finizens o da Indexa Capital ma è un’altra delle opzioni che esistono per avere un piano di risparmio per il futuro.

Finanbest dispone di 2 portafogli di investimento in questa modalità e la modalità di assegnazione di uno di essi è simile a quella sopra menzionata, attraverso un precedente questionario.

  • Partner CNP

CNP Partners entra nel settore attraverso l’ alleanza instaurata tra CNP Partners e Morningstar, noto sito di informazioni finanziarie.

Non è molto conosciuto nel nostro paese ma è un’altra delle opzioni che esistono.

CNP Partners offre 3 profili di investitore: Dinamico, Moderato e Conservatore. Come sempre, la scelta tra l’uno o l’altro dipenderà dai tuoi obiettivi di redditività e dal rischio che sei disposto a correre.

In ogni caso, per dire che qui la gestione non è totalmente passiva ma c’è anche una gestione attiva, che rende la commissione finale superiore a quella dei suoi concorrenti.

Post correlati:

Sommario

Deja un comentario