Indice MSCI World: cos’è e come investire in esso

L’ MSCI World Index è un indice del mercato azionario preparato dalla società MSCI ed è stato creato nel 1970 come riferimento per le azioni globali.

MSCI è l’acronimo di Morgan Stanley Capital International, una società precedentemente responsabile della ponderazione degli indici azionari. Proprio come Bolsas y Mercados Españoles prepara l’indice di riferimento IBEX 35 per la Spagna, la società MSCI prepara diversi indici in tutto il mondo.

Le azioni delle società che fanno parte dell’indice lo fanno ponderate in base alla loro capitalizzazione di mercato, in questo modo le società più grandi hanno un peso maggiore, come è logico, nell’indice e nei loro movimenti o fluttuazioni, nonché nella loro volatilità, alla fine hanno un impatto maggiore nell’indice stesso.

Pertanto, è un indice ponderato per capitalizzazione di mercato e rettificato dal flottante delle società ed è per questo che un movimento percentuale del prezzo delle grandi società porta a un maggiore movimento del prezzo dell’indice, a differenza del medio e del piccolo.

L’insieme di tutte le società che fanno parte dell’indice deve coprire almeno l’85% della capitalizzazione di mercato totale che vuole rappresentare e, tra le società, almeno il 70% deve essere a grande capitalizzazione e il resto a media e piccola capitalizzazione.

L’indice viene rivisto trimestralmente (precisamente nei mesi di febbraio, maggio, agosto e novembre) e viene aggiornato due volte l’anno, ovvero le imprese entrano ed escono a seconda che abbiano o meno i requisiti per appartenere al gruppo (nel se necessario e conveniente affinché continui ad essere un’immagine fedele del mercato che rappresenta).

I maggiori cali annuali si sono verificati con il crollo di Lehman Brothers nel 2008 (-40,4%), con la crisi petrolifera del 1974 (in calo del -27,8%) e la crisi del Covid nel 2020 (in partenza -20,9%).

Composizione dell’indice MSCI World

L’indice MSCI World è composto da 1.600 società a grande e media capitalizzazione (evidenziando società tecnologiche quotate al Nasdaq come Apple, Microsoft, Amazon, Facebook e Google) di 23 paesi del mondo sviluppato (esclusi i paesi emergenti, motivo per cui nel 1990 è stato lanciato l’indice MSCI ACWI, che include i paesi emergenti e, quindi, è più rappresentativo dell’economia mondiale), come ad esempio:

  • Germania
  • Australia
  • Austria
  • Belgio
  • Canada
  • Danimarca
  • Spagna
  • Stati Uniti d’America
  • Finlandia
  • Francia
  • Olanda
  • Hong Kong
  • Irlanda
  • Israele
  • Italia
  • Giappone
  • Norvegia
  • Nuova Zelanda
  • Portogallo
  • Regno Unito
  • Singapore
  • Svezia
  • svizzero
Ponderazioni dell’indice MSCI World

Nello specifico, gli Stati Uniti sono di gran lunga il Paese con il maggior peso dell’indice, 58,64%, seguiti dal Giappone con l’8,67%, dal Regno Unito con il 7,33%, dalla Francia con il 3,73% e dal Canada con il 3,61%. Se l’economia di un paese si è sviluppata bene e la sua capitalizzazione di mercato è aumentata, aumenterà anche il suo peso all’interno di MSCI World. Questo spiega perché gli Stati Uniti hanno il peso maggiore all’interno dell’indice, poiché la capitalizzazione di mercato americana è molto più alta di quella di altri paesi.

Per quanto riguarda i settori, quelli con il maggior peso nell’indice sono finanziari con il 18,10%, informatica 16,80%, salute 11,76%, consumi 12,26%, industria 11,62%, energia 6,32% e materiali 5,25%.

TOP 10 azioni dell’MSCI World Index

Vantaggi dell’indice MSCI World

– Ti permette di vedere in modo semplice e veloce l’evoluzione dei mercati azionari mondiali, il tutto attraverso un unico indice di borsa.

– In termini di gestione passiva o indicizzata (un investimento che si basa sulla replica del comportamento di un indice azionario tramite fondi indicizzati o robo advisor) è molto utile, poiché qualsiasi fondo che voglia replicare le azioni globali può replicare questo indice.

– Nella gestione attiva (quella il cui obiettivo del gestore è battere il mercato in ogni situazione, sia che il trend sia rialzista o ribassista), questo indice serve come riferimento per cercare proprio di battere il mercato.

Come investire nell’indice MSCI World

Lo si può fare attraverso ETF (sono fondi negoziati in borsa) e fondi di investimento, ad esempio quelli di Vanguard, Amundi, iShares, SPDR e Lyxor.

– iShares Core MSCI World UCITS: dal suo lancio il 25 settembre 2009, ha un rendimento annualizzato del 10,54% e un rendimento accumulato del 244,57%.

– AMUNDI INDEX MSCI WORLD: è stato creato il 29 giugno 2016 e accumula un rendimento del 117%.

– HSBC MSCI World UCITS ETF USD 62,65% negli ultimi 3 anni

Se facciamo una classifica di redditività negli ultimi 3 anni (2019, 2020 e 2021) abbiamo quanto segue:

  • HSBC MSCI World UCITS ETF USD 64,43%
  • iShares Core MSCI World UCITS ETF USD 63,46%
  • Invesco MSCI World UCITS ETF 63,84%
  • Xtrackers MSCI World UCITS ETF 1D 63,45%
  • Xtrackers MSCI World UCITS ETF 1C 63,36%
  • Amundi Index MSCI World UCITS ETF DR EUR 62,67%
  • Amundi ETF MSCI World UCITS ETF DR 63,35%
  • Xtrackers MSCI World Swap UCITS ETF 63,28%
  • Amundi ETF MSCI World UCITS ETF USD 62,86%
  • Lyxor Core MSCI World (DR) UCITS ETF – Acc 62,82%
  • UBS ETF (LU) MSCI World UCITS ETF (USD) 62,19%
  • UBS ETF (IE) MSCI World UCITS ETF (USD) A-dis 62,74%
  • iShares MSCI World UCITS ETF (Dist) 61,94%
  • Lyxor MSCI World UCITS ETF – Dist 62,42%
  • Amundi MSCI World UCITS ETF EUR 61,54%

Infine, aggiungi che ci sono 3 modi per misurare l’evoluzione dell’indice MSCI World:

1) MSCI World Price: tiene conto solo dell’evoluzione del prezzo delle azioni, ma non dei dividendi.

2) MSCI World Gross: tiene conto dell’evoluzione del prezzo, nonché del reinvestimento dei dividendi nell’indice.

3) MSCI World Net: tiene conto del reinvestimento dei dividendi nell’indice al netto delle imposte, a seconda del paese di origine della società.

Ricorda che puoi investire nell’indice MSCI World anche partecipando a un robo advisor, trattandosi di un fondo che fa sempre parte di questa tipologia di portafoglio diversificato.

Post correlati:

Sommario

Deja un comentario