Che cos’è un trader di posizione? (o Trading di posizione)

Prima di spiegare cos’è un Position Trader, diamo un’occhiata ad alcuni aspetti importanti. Quando parliamo di «posizione» ci riferiamo a quell’operazione virtuale che andrete ad effettuare per acquistare o vendere una serie di strumenti finanziari, come valute, azioni, materie prime, indici,…

Quando una posizione viene aperta sul mercato, viene avviata un’operazione, un’attività viene acquistata o venduta. Mentre tale operazione rimane aperta, sei in una posizione aperta (o stai operando con una posizione lunga -tempo di apertura più lungo- o con una posizione corta -meno tempo di apertura-), e quando chiude, significa che esci da quella posizione, e pertanto, l’operazione è chiusa. L’obiettivo di questo processo speculativo tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita è quello di realizzare un profitto.

Così come esistono diverse strategie e strumenti per operare, esistono diversi stili o tipologie di trader che differiscono a seconda del tempo durante il quale mantengono aperte le proprie posizioni in un trade, sono: sono Scalper, Day Trader, Swing Trader e Position Trader (o Position Trading), (puoi leggere di più sugli stili qui.

Oggi parliamo del Position Trader o Position Trading. Il Position Trader mantiene le sue posizioni aperte più a lungo, che possono durare settimane, mesi o addirittura anni, senza aspettarsi di trarre profitto da alcuni pip prodotti dalle fluttuazioni del mercato. È la tecnica chiamata «buy and hold» (buy and wait) che cerca di sfruttare al meglio le tendenze a lungo termine che possono sorgere.

Il Position Trader non si basa solo su grafici o cronologia, ma analizza in modo approfondito i fattori macroeconomici del mercato e delinea la sua strategia a lungo termine, in base all’andamento del mercato e utilizzando principalmente l’analisi fondamentale. Tale analisi si concentra sulle componenti del mercato e tiene conto delle variabili interne ed esterne che possono aumentare il prezzo, abbassarlo o mantenerlo permanente, e che potrebbero verificarsi a breve: relazioni tra i bilanci, i piani di espansione futuri, le previsioni di ricavi, profitti, crescita, settore di appartenenza dell’azienda o ambiente economico del paese o dei paesi in cui opera, ecc.

Si potrebbe dire che un Position Trader è più simile a un investitore, in quanto l’obiettivo è ottenere profitti a lungo termine, e per questo motivo il suo interesse è più focalizzato su quei mercati con tendenze chiare, rispetto ai mercati che hanno molto di volatilità ma che all’ultimo momento operano in una fascia di prezzo ristretta.

A differenza di altri stili, il Position Trader richiede di avere un buon capitale iniziale, per poter ottenere profitti, e di avere una gestione del rischio molto chiara, oltre a stabilire uno stop-loss molto ampio, poiché nel tempo le oscillazioni del prezzo (sia al rialzo che al e giù) può metterti a disagio ed è importante mantenere la calma.

Normalmente le caratteristiche di un Position Trader sono:

  • Più paziente, analista e non si lascia influenzare da situazioni esterne.
  • Mentalità “più fredda” e meno ansia per il processo decisionale, quando vinci come quando perdi.
  • Più esperto.
  • Conosce le tendenze e la situazione dei mercati in cui opera, a livello politico, sociale ed economico.
  • Prende più rischi in termini di profitti e perdite poiché copre il lasso di tempo più lungo.
  • Di solito hanno più capitale rispetto ad altri tipi di trader.

Per saperne di più sul trading, iscriviti al Club Trader e al nostro canale YouTube, dove troverai gli strumenti chiave per continuare la formazione e diventare un professionista finanziario.

Post correlati:

Sommario

Deja un comentario